• +39 0104716943

    info@adiura-genova.it

  • +39 3802304703

    Fb: adiuragenova

  • Via Pisacane n.17/5

    16129 Genova

  • Lun - Sab H24

    Dom - su appuntamento

O.S.S. Qualifica Operatore Socio Sanitario

Badanti Genovanews e eventiO.S.S. Qualifica Operatore Socio Sanitario
20 Settembre 2021 Posted by Team news e eventi

Qualifica Operatore Socio Sanitario OSS.

La sua attività lavorativa è orientata al soddisfacimento dei bisogni primari delle persone ed a favorire il benessere e l’autonomia delle stesse.

L’OSS può svolgere l’attività in:

  • Ospedali pubblici
  • Strutture socio sanitarie private o convenzionate come le R.S.A. (Residenza Sanitaria Assistenziale), R.A.F. (Residenza Assistenziale Flessibile per disabili di tipo “A” e “B”)
  • Comunità per minori/psichiatriche/cliniche di recupero
  • Servizi di assistenza domiciliare specializzata presso consorzi dei servizi sociali o privati
  • Scuole: assistenza alunni con disabilità durante l’orario scolastico.

L’OSS non agisce per delega, svolge la propria attività in autonomia nell’assistenza di base, rispettando i compiti dettati dal proprio profilo professionale, collaborando e aiutando le altre figure professionali. (vedi mansionario specifico del “22 febbraio 2001 pubblicato sulla G.U. n. 91 del 19/04/2001) in seno alla conferenza Stato Regioni.

Agisce autonomamente nell’assistenza di base, indirizzata ai pazienti totalmente o parzialmente autosufficienti nelle attività quotidiane. È presente durante la permanenza delle persone negli ospedali, cliniche private o presta assistenza di base autonomamente nell’ambito domiciliare. Il suo compito è quello di svolgere attività che aiutino le persone a soddisfare i propri bisogni primari: l’alimentazione, l’igiene personale, attività finalizzate al recupero e di mobilizzazione, trasporto in barella. Si occupa del rilevamento dei parametri vitali, di effettuare piccole medicazioni, aiuta nella somministrazione della terapia orale, al trasporto di materiali biologici, nella preparazione dei materiali da sterilizzazione. Si occupa del mantenimento e dello sviluppo del livello di benessere, promuovendone l’autonomia e l’autodeterminazione. La sua attività è regolamentata grazie al mansionario specifico, in ambito assistenziale, sociale e sanitario.

Opera in base al reparto/ambito specialistico di appartenenza e agisce in collaborazione con figure sanitarie, principalmente con l’infermiere, il fisioterapista e l’ostetrico oltre che con il medico, il dietista, l’educatore professionale, l’assistente sociale.

In area sanitaria può occuparsi con qualche limitato margine di autonomia prodotto dalla delega in seno alla legge del 21 febbraio 2001, solo dell’assistenza di base al paziente, mentre può occuparsi di ulteriori attività solo dietro precisa attribuzione (non di delega) e indicazioni dell’infermiere (come stabilito dai rispettivi profili professionali nazionali e normativa regionale), oltre che di interventi relazionali con l’utente (area sociale).

La formazione è competenza di Regioni e Province autonome; l’attestato di qualifica professionale si consegue al termine di un percorso formativo della durata di circa 1000 ore (composte rispettivamente da 450 ore di teoria, 100 ore di esercitazioni e 450 di tirocinio, comprensive di esame finale) organizzate in maniera differente a seconda dell’Ente che gestisce il percorso formativo.

Le materie di studio sono raggruppate in quattro aree:

  • “Area socio-culturale, istituzionale e legislativa”, che comprende materie del tipo: legislazione socio-sanitaria e previdenziale, organizzazione dei servizi sul territorio, sociologia;
  • “Ambito professionale specifico, area psicologica e sociale”, che comprende materie del tipo: dinamiche di gruppo, psicologia della relazione, pedagogia.
  • “Area igienico-sanitaria”, che comprende materie del tipo: igiene della persona, tecniche di base preventive e riabilitative, rilevazione dei parametri vitali, elementi di primo soccorso, studio delle principali patologie debilitanti.
  • “Area tecnico-operativa”, che comprende materie del tipo: attività domestico-alberghiere, di assistenza domiciliare e tutelare, piani di intervento (PAI e PEI), animazione, interventi di socializzazione, informatica di base.

Il tirocinio dura 450 ore, normalmente con impegno a tempo pieno. Al termine del corso è previsto un esame finale di fronte ad apposita commissione d’esame, comprendente una prova scritta, una pratica ed una orale, con il superamento della quale si ottiene l’attestato di qualifica valido su tutto il territorio nazionale.